Convegno Rai “Donna è…” L’educazione per abbattere pregiudizi e stereotipi

“La figura della donna nella società odierna: da un lato le sue capacità, quando impegnata nei vari settori di attività professionale/imprenditoriale, di ottenere risultati concreti, misurabili e condivisibili e dall’altro l’importanza di una corretta rappresentazione di genere nei media, per favorire l’affermazione delle donne nel mondo economico, politico, culturale, sociale e della comunicazione”.

Questa è stata la tematica su cui si sono sviluppate le sessioni,  del convegno RAI  “Donna è…”, nelle giornate del 5 e 6 marzo 2014: il ruolo della donna nella politica, nell’economia, nella scienza, nell’educazione e cultura e nei mass media.

Temi perfettamente in linea con la politica di genere promossa dalla Fondazione Rita Levi-Montalcini Onlus, la cui Presidente, Biancamaria Bosco Tedeschini Lalli,  anch’essa tra le  prime donne riuscite ad emergere nel mondo universitario, come fondatrice dell’Università Roma Tre, e prima donna Rettore Universitario in Italia.

Particolare attenzione  è stata prestata, naturalmente, alla sessione “educazione e cultura”, in cui sono emersi interventi particolarmente incisivi da parte di donne che hanno raggiunto ruoli rilevanti, che di solito sono predominio maschile, come ad esempio direttori di orchestre, Rettori,  Ambasciatori o comunque Presidenti di enti prestigiosi.

convegno donna è

Tra il pubblico la Presidente Anna Maria Tarantola

“Il convegno nasce dalla considerazione della responsabilità che la Rai ha nel contribuire, attraverso una presenza equilibrata, ad una rappresentazione corretta della donna, a realizzare una concreta uguaglianza tra uomini e donne” con questa premessa la Presidente Rai, Anna Maria Tarantola, ha aperto i lavori, aggiungendo: “Abbiamo invitato a riflettere con noi e a portare le loro esperienze studiosi e tante donne, tante eccellenze convinti che l’emulazione sia una spinta preziosa per accrescere la consapevolezza e la fiducia nelle proprie potenzialità, perché anche di questo si tratta! Dobbiamo credere di più in noi stesse! Troppo spesso dimentichiamo di quante donne intorno a noi sono protagoniste nella scuola, nelle Università, nello sport, nelle scienze, nella finanza”

Educazione: madre di tutte le battaglie

Il Rettore dell’Università di Milano Bicocca, Cristina Messa, durante il suo discorso, ha ricordato come sia raro incontrare una donna alla conduzione di un ateneo. Soggiungendo infine: “Avremo raggiunto una parità quando un evento del genere non farà più notizia”. Inoltre il Rettore cita la famosa sociologa Chiara Saraceno: “Le donne che hanno livelli di educazione maggiore o comparabile a quello del marito forniscono una forza lavoro decisamente superiore rispetto alle donne che hanno un’educazione più bassa rispetto alla famiglia e alla società. L’educazione è l’elemento fondamentale che porta al mondo del lavoro”.

Solo informazione ed educazione possono sconfiggere stereotipi e pregiudizi, grazie anche al mondo dei media, questo è stato l’obiettivo del Convegno.

Discorso di Cristina Messa

Quanto affermato durante il Convegno è anche la convinzione della Fondazione Rita Levi-Montalcini Onlus, che da oltre dieci anni persegue l’attività di aiutare le donne africane, particolarmente penalizzate rispetto agli uomini soprattutto per quanto riguarda l’accesso all’istruzione,  sostenendole agli studi, come da decisa volontà della scomparsa Presidente che porta il suo nome.