Anche la Nigeria dice stop all’infibulazione

infibulazioneL’infibulazione è diventata una pratica illegale dallo scorso giugno in Nigeria. Questa è stata la decisione del Presidente Goodluck Jonathan che ha posto fine, con un decreto governativo, ad una delle pratiche più dannose per la salute femminile. Per i trasgressori sono previsti quattro anni di carcere ed una multa fino a mille dollari.
La Nigeria è il ventitreesimo Paese africano che decide di abolire una pratica radicata nella cultura africana, che spesso nuoce gravemente alle giovani ragazze costrette ad una mutilazione per essere accettate dalla società.
L’infibulazione si tratta di una mutilazione genitale che arreca danni più o meno permanenti ed in molti casi può portare alla morte, soprattutto nei Paesi più carenti a livello sanitario, in cui mancano gli antibiotici, ma anche coloro che sopravvivono potrebbero risentire di complicazioni per il resto della loro vita, soprattutto a ridosso del parto.

Lascia un commento

Your email address will not be published. *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>