Che il corso abbia inizio!

Arriva l'attrezzatura!

Arriva l’attrezzatura!

E’ stato un giorno importante, lo scorso 25 agosto, per le quaranta giovani ragazze madri prossimamente impegnate nei corsi di sartoria e alfabetizzazione a Idiofa, nel Congo. Un fuoristrada carico di stoffe, computer, macchine per cucire e tutto l’occorrente per iniziare il loro percorso di formazione, è giunto presso la Diocesi. L’inizio dei corsi di sartoria e l’acquisto dei materiali è stato reso possibile, grazie anche al sostegno della Fondazione Rita Levi-Montalcini Onlus, che ha accolto con fiducia la richiesta di Don Robert Bellarmin, un cattolico congolese particolarmente impegnato nella lotta contro la povertà nel suo Paese, e che presta particolare attenzione all’emancipazione femminile.   “Io Sono”

La nuova macchina per cucire

La nuova macchina per cucire

“La donna congolese deve ritrovare la sua dignità e può farlo soltanto se si rende indipendente con un lavoro, questo è il modo di avere voce in capitolo quando gli altri parlano” Con queste parole Don Robert, durante la sua visita presso l’ufficio della Fondazione Rita Levi Montalcini Onlus, ha spiegato personalmente la motivazione che l’ha portato a Roma a chiederci aiuto per l’avvio del progetto. Ritiene che il problema principale resta lo scarso livello di alfabetizzazione della donna in Congo, che spesso giovanissima, fin dai dodici anni, vede nell’uomo una via di salvezza per un pezzo di pane. Nella città di Idiofa ci sono tante ragazze madri, che a causa delle gravi crisi economiche in cui versano, si sono lasciate andare, ritrovandosi in stato di gravidanza talvolta con ragazzi irresponsabili o uomini sposati che non hanno voluto assumersi le responsabilità del nuovo nato.  La mancanza di autonomia economica, la disoccupazione e anche il fatto di non avere un titolo scolastico che le abiliti a qualsiasi lavoro fanno sì che queste ragazze sono sempre più deboli e cedono facilmente ad altre tentazioni come quelle che le spinsero a ritrovarsi madri senza matrimonio.   Le ragazze madri, selezionate per il progetto, hanno deciso coraggiosamente di cambiare la loro condizione, diventare autonome e conquistare la loro dignità di donna, cominciando dall’alfabetizzazione di base fino all’acquisizione delle tecniche sartoriali, che, in due anni, potrà garantire un’occupazione.   Si comincia!

Finalmente possono cominciare

Finalmente possono cominciare

Quel giorno alla Diocesi è giunto il Padre Cancelliere, in sostituzione del Vescovo, che fiducioso ha consegnato tutto il materiale alle ragazze, emozionate ed in trepidazione per l’inizio del corso, nonché di una nuova vita,  con l’incoraggiamento di farne buon uso  ed impegnarsi. Unendoci a sostegno ci stringiamo a loro, con la certezza che la motivazione sia grande perchè mirata alla crescita personale, forza ragazze e buon lavoro!

Lascia un commento

Your email address will not be published. *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>