Donne da Nobel: Iréne Joliot-Curie sulle orme della madre

indexIrene Curie è la primogenita di Marie Curie, la prima donna ad essere insignita del Premio Nobel. La sua breve vita è stata eccezionale quanto quella della madre, tanto da farle seguire le sue orme. E’ oggi ricordata come la terza donna in assoluto ad aver avuto l’onore del conferimento del Premio Nobel, nel 1935, assieme al marito Frédéric Joliot.

Il lavoro sul campo 

Nasce nel 1926 e muore nel 1956, esattamente a trent’anni. Dedica tutta la sua esistenza al raggiungimento di una scoperta di grande valore per il campo della medicina: la radioattività artificiale.

Fin da piccola assiste la madre Marie negli ospedali da campo, durante la prima guerra mondiale, mentre quest’ultima aiuta i feriti eseguendo le lastre ai raggi x, ma lo fanno senza le dovute precauzioni, in quanto ancora il mondo è ignaro dell’estrema pericolosità dei materiali radioattivi.

1827-004-A722904E

Una giovane vita, un’intensa passione

La passione per la chimica la porta alla laurea e conseguentemente la sua vita sarà concentrata nel definire il lavoro iniziato dalla madre, con l’aiuto del marito, anche lui chimico, da cui avrà due figli, entrambi futuri scienziati: un biochimico ed un fisico nucleare.

L’esposizione alla radioattività ha spento presto la giovane vita di una donna incredibile, che  ha sacrificato se stessa per il bene dell’umanità

Lascia un commento

Your email address will not be published. *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>