Essere bambini in Siria: il pericolo dentro le scuole

syria-children_2402338b-350x218Oltre i confini dell’Africa, un’altra area geografica che, nonostante una situazione grave, gli appelli etc., non è riuscita ad uscire da una fase di grave emergenza, che da troppo tempo continua è la Siria.  Emergenza che si manifesta anche e soprattutto per quel che riguarda la scuola ed il livello di istruzione.

Sono ben tre milioni i bambini che sono stati costretti ad evacuare le loro scuole dall’inizio del conflitto, perché considerate altamente pericolose; aule diventate basi per scopi militari o adibite a rifugi per gli sfollati. Il tasso d’istruzione è drammaticamente crollato dal 90 al 6 per cento.

images 2Nagham e Reda, piccole storie grandi dolori in Siria.

La guerra, entrata ormai nel suo quinto anno, ha lasciato dietro a sé storie di dolore, raccontate da giovanissimi ragazzi, cresciuti troppo in fretta, costretti a fuggire per scappare al massacro. A esempio c’è la testimonianza della quattordicenne Nagham, il cui desiderio di studiare lingua e letteratura inglese è stato spezzato a causa del conflitto, costretta a restare lontano da casa per salvarsi la vita.  Mentre la giovane Nagham si è rifugiata in Giordania, un suo coetaneo, chiamato Reda, scappa nel Libano e manifesta il grande disagio per la sua convivenza con altre nove persone in una tenda, dal pavimento di fango, in quanto la sua casa è totalmente distrutta. (leggi la notizia) Ma sono tantissimi i ragazzi e bambini che subiscono le stesse sofferenze, le statistiche dell’Unicef ne contano 14 milioni di bambini in tutto il Medio Oriente.

images 3Cresciuti con gli orrori della guerra

«Per i bambini più piccoli, questa crisi è l’unica realtà che abbiano mai conosciuto. Per gli adolescenti che si affacciano alla vita adulta, violenza e sofferenze non hanno solamente intaccato il passato, ma condizionano profondamente il futuro» questa è la preoccupazione del Direttore dell’UNICEF, Anthony Lake «Con l’ingresso della crisi nel quinto anno, questa generazione di giovani rischia di perdersi nel baratro della violenza, trasmettendo alla prossima generazione ciò che ha sperimentato. »

Un’emergenza umanitaria su scala mondiale che le Nazioni Unite si stanno impegnando attivamente a  risolvere. L’educazione dovrebbe tornare ad essere fondamentale nella vita di ogni bambino perché è questa la chiave dello sviluppo della Siria.

Lascia un commento

Your email address will not be published. *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>