Il futuro dell’Africa è donna: Lorna Rutto, l’imprenditrice ecosostenibile

index

L’imprenditrice Lorna Rutto

Geniale e vincente, sono gli aggettivi che ben si sposano per una nota imprenditrice del Kenya: Lorna Rutto, nata e cresciuta in una Slum di Nakuru. La sua idea, che nel 2011 l’ha portata ad ottenere il premio Cartier e nel 2010 il Bid Network Nature Challenge award, è la trasformazione dei rifiuti di plastica in materiale edilizio sostenibile, utilizzabile al posto del legno.  Il suo modello imprenditoriale, non solo è innovativo, ma pone particolare attenzione alla protezione dell’ambiente.

kenya-spazzaturaEcosostenibilità in primo piano

«Meno del 2 per cento della nostra terra è coperta da foreste e circa 10 milioni di persone vivono negli slum, dove i rifiuti invadono le strade e intasano le fogne. Solo la capitale Nairobi ne produce al giorno oltre tremila tonnellate» Con questa convinzione Lorna, giovanissima e tenace, lascia il settore bancario, canale originariamente intrapreso, e fonda la sua impresa chiamandola Ecopost.  Contribuisce, in questo modo, non solo alla salvaguardia dell’ambiente, con lo smaltimento dei rifiuti e la costruzione di immobili evitando l’abbattimento di alberi, ma anche alla creazione di posti di lavoro, offrendo occupazione a ben 500 africani, tra cui molte donne in difficoltà.

Un esempio da seguire 

Lorna Rutto è sicuramente un modello di donna africana non solo vincente, dal punto di vista imprenditoriale, ma anche attento e compassionevole, per la difesa non soltanto dell’ambiente, ma anche dell’essere umano.

Lascia un commento

Your email address will not be published. *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>