Chi è Rokia Traorè, la voce che canta per l’Africa

Anche il mondo della musica è vicino ai problemi dell’ Africa.

La cantante Rokia Traorè, di origine del Mali, è ai vertici delle classifiche francesi con la sua bellissima “Mèlanconie”, canzone che racchiude lo stile della tradizione Maliana (usa il linguaggio “Bambara” originario dell’Africa dell’ovest, ma anche il francese e l’inglese) con una svolta di ritmi rock and jazz, connubio studiato per giungere a chi l’ascolta con una comunicazione moderna.

Con la sua voce, dall’estensione straordinaria, canta per esprimere sia pensieri sulla sua vita, che sulla difficile situazione politica del Mali. Malgrado il suo Paese sia stato scosso da un terribile colpo di Stato militare nel 2012, che ne ha minato la democrazia, la cantante resta emotivamente legata alla sua terra. Sebbene Rokia abbia raggiunto fama mondiale, ha scelto di restare nella capitale del suo Paese d’origine, Bamako, dove affettuosamente la chiamano “kia” per il suo carattere di ferro.

L’artista è molto attiva in difesa dei diritti civili, particolarmente schierata con la categoria femminile in Mali.

r

“Canto le donne che scelgono la libertà” Ha detto rilasciando una recente intervista, in visita in Italia.

Un messaggio di Pace per l’Africa

“Voglio cantare la bellezza dell’Africa, l’amore per il mio Paese, il Mali, invece di piangere di dolore, di rabbia per le ferite che lo stanno provando. E trasmettere un messaggio di ottimismo. Dire alla mia gente che nonostante tutto ce la faremo, e tornerà la pace.

Non voglio credere che a questo” Questo è il desiderio di Rokia Traorè. La cantante, che è anche compositrice, si esprime con una musica innovativa, dai toni dolci, ma al tempo stesso graffianti. Fa parte di una nuova categoria femminile che tende a rivalutare la posizione della donna in Africa.

La donna africana infatti vuole vedere riscattata la sua figura agli occhi del mondo come “vincente” e non sottomessa.

Aiuta i giovani ad avvicinarsi all’arte

Rokia attualmente dirige la fondazione Passarelle le cui finalità sono di contribuire allo sviluppo dell’industria musicale in Mali e sviluppare le arti performative trasformandole in economia reale.

Lo scopo è offrire possibilità reali a giovani talenti anche in Africa, allo stesso modo dei coetanei adolescenti dei Paesi occidentali. Il linguaggio della musica, e dell’arte in genere, può unire un popolo e connettere l’Africa con se stessa, di questo l’artista è fermamente convinta.

Lascia un commento

Your email address will not be published. *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>