Malala: compie gli anni e regala una scuola

b8db576db189b13d125223e5cac15ba9Il traguardo della maggiore età è sempre una grande emozione, ma per Malala Yousfzai è anche l’ennesima occasione per portare avanti il suo ambizioso progetto: l’istruzione per tutti. Lanciando la campagna “Libri non pallottole”, la giovane eroina dei diritti allo studio, ha infatti festeggiato il suo diciottesimo compleanno, il 12 luglio scorso, inaugurando una scuola pensata per i rifugiati siriani in Libano, che si contano oltre ai quattro milioni.

La scuola di Malala potrà ospitare duecento ragazze del campo profughi nella valle di Bekà, che avranno così l’opportunità quasi insperata di avere una giusta istruzione ed un futuro assicurato.

index

Un “credo” fin da bambina

L’attivismo di Malala ha inizio molto presto, a soli undici anni decide di divulgare il suo pensiero con la frase divenuta poi un simbolo per la promozione dell’istruzione “un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo”, scampando ad un attentato rivendicato dal talebani soltanto un anno dopo, per la sua difesa del diritto allo studio per le bambine dello Swat. Malala con coraggio veicola nel Mondo il suo messaggio, tanto da ricevere il Premio Nobel per la pace nel 2014.

I più alti riconoscimenti

Anche le Nazioni Unite le riconoscono i festeggiamenti per il compleanno proclamando in occasione della sua data di nascita il Malala Day, a testimonianza di quanto questa giovane donna sia amata e sostenuta per il proseguimento della sua lodevole missione.

Lascia un commento

Your email address will not be published. *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>