Malala da oggi è una stella

malala-yousafzai-092_1Abbiamo parlato di lei, del suo coraggio e della ferma determinazione nel difendere i diritti del genere femminile, già in altre occasioni e quanto è avvenuto all’interno della Nasa ce la fa ricordare ancora: Malala Yousafzai, perché,  dall’11 aprile 2015, il suo nome ha  un posto nel firmamento tra le altre stelle.

Nel 2010, nel suo laboratorio Nasa in California, l’astronoma americana Amy Maizner ha, infatti, avvistato, con il suo telescopio spaziale Neowise della Nasa,  un nuovo asteroide ed oggi annuncia la decisione di battezzarlo con il nome della diciassettenne pakistana, per rendere omaggio ad una così ammirevole e speciale ragazza.

imagesL’inarrestabile forza di una giovane donna

La storia di Malala ha attraversato il mondo intero. Nell’ottobre del 2014 le è stato conferito il Nobel per la Pace, in onore del suo attivo impegno sociale a favore dei giovani e dei diritti delle donne di tutto il mondo, soprattutto per quanto riguarda il loro accesso all’istruzione, molto spesso negato nei Paesi in via di sviluppo. Sua è la frase, ormai diventata celebre: «Un bambino, un insegnante, un libro, una penna possono cambiare il mondo». Malala, nella rivendicazione del suo credo, ha rischiato la vita. In particolare nel 2012 è stata vittima di un attacco talebano, da cui si è  miracolosamente salvata ed ancora oggi subisce vessazioni e minacce più o meno pubbliche, anche nei canali social. Eppure niente ha potuto fermare il suo coraggio, che è forte, determinante e inarrestabile proprio come una meteora.

Una stella che brilla di coraggio

E’ mio grande piacere annunciare che ho chiamato l’Asteroide 316201 Malala. Se qualcuno merita di avere un asteroide intitolato questa è di certo lei” ha dichiarato Amy Maizner. L’assegnazione del nome all’asteroide spetta per diritto a chi l’ha scoperto. Ed è proprio perché sono poche le stelle dedicate alle donne, che la scienziata protagonista spiega al mondo perché ha deciso  di dedicare la sua stella a Malala. E conclude infine con una frase che trova d’accordo anche noi: “Siamo orgogliosi di vivere su un pianeta dove c’è anche Malala”.

La stella Malala oggi si trova tra le orbite di Marte e Giove e ogni 5,5 anni completerà la sua rivoluzione intorno al sole.

Lascia un commento

Your email address will not be published. *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>