Nuove imprenditrici all’opera

Mercy ChaputulaIl nostro aiuto ha permesso il sorriso di molte donne e dei loro figli. Il progetto concluso in collaborazione con l’Ong Cisp (Comitato internazionale per lo sviluppo dei popoli) ha permesso a Wesly, a Mercy e ad altre novantotto donne, che come loro soffrivano di una condizione di indigenza, di seguire le loro attitudini in lavori di piccola impresa.

Seguite da insegnanti qualificati le beneficiarie provenienti da zone rurali dei distretti di Kasungu, Zomba e Lilonwe, sono state indirizzate su lavori di ristorazione, sartoria, artigianato e piccolo commercio, conseguendo tutte ottimi risultati e accedendo ai programmi di micro credito per poter iniziare la loro attività.

 

Sopravvivere lontano dal progresso

Viviamo nel moderno ventunesimo secolo, eppure le stime che arrivano dal Malawi sulle aspettative della durata vita restano, purtroppo, a tutt’oggi, molto basse: appena i 37 anni per gli uomini ed i 38 anni per le donne. L’alto tasso di mortalità è anche dovuto alle condizioni di degrado delle zone, che si presentano prevalentemente rurali, e alle epidemie virali. Anche i dati piuttosto bassi del tasso di alfabetizzazione lasciano riflettere: soltanto il 75% dei maschi ed il  45% delle femmine, quindi meno della metà, hanno il privilegio di un’istruzione.

Il corso di formazione professionale e sostegno all’imprenditoria femminile ha impegnato le beneficiarie per  un anno. L’Ong Cisp le ha selezionate tramite la Catholic Development Commission, una organizzazione cattolica presente nel Paese a sostegno dei meno abbienti, con l’ambiziosa finalità di assicurare un lavoro ed un futuro a chi più ne ha dimostrato bisogno, ma anche merito.

Un’impresa tutta sua

WesliOggi donne come Wesli Nyasulu, orgogliosa di aver aperto il suo negozio,  e Mercy Chaputula nel suo piccolo terreno agricolo, possono credere in un futuro migliore per sé stesse e per le loro famiglie.

Diffondere l’istruzione in un Paese in via di Sviluppo è come lanciare un sasso nelle acque calme di uno stagno

Lascia un commento

Your email address will not be published. *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>