Sud Sudan: la costruzione di pace si impara a scuola

DSCF9499mMentre sale a duecentomila il numero di Sudanesi che fuggono dalla guerra in Darfur, trovando riparo in Etiopia, un gruppo di giovani si impegna a riportare la pace. In uno dei dieci stati del Sud Sudan, precisamente la città di Yei, nello Stato di Central Equatoria, venti ragazze e cinquantacinque ragazzi si sono diplomati a fine aprile, con l’obiettivo di una costruzione di pace nel loro paese.

I settantacinque giovani, negli scorsi tre mesi, hanno prestato tirocinio presso l’Istituto della riconciliazione di Yei, dove un’equipe medica cerca di recuperare i superstiti traumatizzati dalla guerra, instaurando rapporti civili ed umani attraverso il dialogo e l’amicizia.

Malgrado gli accordi di pace falliti in Sud Sudan negli scorsi mesi, il Paese non ci sta e cerca la risoluzione dei conflitti, anche attraverso l’insegnamento e l’educazione.

Malish James, che è il portatore di questo progetto, ha ribadito l’importanza dell’insegnamento della “non violenza” e la necessità di istituire un centro di alta formazione per la pace.

E’ durante la cerimonia dei diplomi che Mbale Peter, il rappresentante del Consiglio dei Ministri, ha ricordato la situazione di emergenza che sta vivendo lo Stato del Sud Sudan e l’urgenza che i neo diplomati possano intervenire al più presto, con le conoscenze acquisite, per favorire la costruzione di pace tra i giovani Sudanesi.

Lascia un commento

Your email address will not be published. *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>