Formazione superiore per 119 donne di Bandundu

Corso di studio per scuola superiore per 119 ragazze di Bandundu (Rep. Dem. Congo) – Pr. n 112/10

 Così come avviene in tutto il Continente africano, anche nella provincia di Bandundu, della Repubblica Democratica del Congo, le famiglie preferiscono investire nell’istruzione dei figli maschi a discapito di quella delle figlie femmine che di solito sono costrette a sposarsi terminata la scuola primaria.

Questa zona dell’Africa, che si trova a circa 250 kilometri da Kinshasa, è un importante mercato di prodotti agricoli e di legname, ma, nonostante le opportunità di lavoro, sono gli uomini che riescono a trovare impiego con minor difficoltà, grazie ad una formazione scolastica.

Talvolta le bambine non frequentano neanche il percorso scolastico primario in quanto sono costrette a seguire i lavori domestici aumentando così la loro emarginazione nella società. Attualmente nella Repubblica Democratica del Congo soltanto il tre per cento della popolazione femminile ha avuto la possibilità di accedere all’istruzione universitaria.

Pur essendo la donna che manda avanti la famiglia, lei stessa è sottoposta a dei limiti che non le permettono di affermare le proprie capacità e poter avere un ruolo attivo nella società. Il piano di studi ha la durata di un anno con la possibilità di seguire il corso di scuola superiore più idoneo alle loro capacità e aspirazioni presso diverse scuole quali: l’Istituto Superiore di Medicina di Bandundu (ISTM), il Centro Universitario di Bandundu (CUB), l’Istituto Superiore di Pedagogia (ISP), l’Istituto Superiore del Commercio (ISC), l’Istituto Superiore di Sviluppo Rurale di Misay (ISDR) e il Centro Interdisciplinare per lo Sviluppo e l’Educazione (CIDEP). Questo progetto si prefigge di sostenere l’istruzione di centodiciannove donne della città di Bandundu e dintorni e di promuovere le condizioni di sviluppo della donna salvaguardandone la dignità