Le università italiane si mobilitano per l’istruzione delle ragazze africane

È con vero piacere vi segnaliamo il programma dell’evento “Una laurea per una laurea”. Le università italiane si mobilitano per l’istruzione delle ragazze africane“, con la collaborazione dell’Università di Palermo, Ersu, Legacoop Sicilia, Cantine Settesoli e Cot ristorazione. L’evento che si svolgerà venerdì 2 ottobre 2015 alle ore 9.30 nell’Aula Magna del Dipartimento di Scienze…

Leggi tutto →

Formazione di ostetriche ed infermiere in Etiopia

Città

Persone coinvolte

Formazione per 25 ostetriche nella regione del Tigray, Etiopia p. 152 Tipologia: Formazione e salute Destinatari: 25 Ong beneficiario: CCM - Comitato Collaborazione Medica Il progetto ha come obiettivo quello di erogare corsi di formazione per 25 ostetriche ed infermiere al fine di migliorare le competenze nella fornitura dei servizi alla salute. Le studentesse sono già operatrici…

Leggi tutto →

Altre adolescenze: crescere in Nigeria

Cosa significa essere bambini in Nigeria? La Nigeria è uno dei Paesi africani che detiene i più tristi primati a livello mondiale: quali la più alta concentrazione di HIV tra i bambini al di sotto dei cinque anni, contratto dalla nascita, la diffusione della malaria, in campo sanitario e, per quanto riguarda l’istruzione, la più…

Leggi tutto →

Dottorati, lauree e formazione superiore per 21 ragazze a Kinshasa

Dottorati, lauree e formazione superiore per 21 ragazze a Kinshasa, p. 150 Tipologia: educazione superiori Destinatari: 21 Ong beneficiario: Persone Come Noi NGO-ONLUS Kinshasa, distretto di Tshangu, uno dei quartieri maggiormente popolati della capitale della Repubblica Democratica del Congo, e prevalentemente abitato da una fascia di popolazione particolarmente povera e vulnerabile. Qui infatti la disoccupazione è molto…

Leggi tutto →

Anche la Nigeria dice stop all’infibulazione

L’infibulazione è diventata una pratica illegale dallo scorso giugno in Nigeria. Questa è stata la decisione del Presidente Goodluck Jonathan che ha posto fine, con un decreto governativo, ad una delle pratiche più dannose per la salute femminile. Per i trasgressori sono previsti quattro anni di carcere ed una multa fino a mille dollari. La…

Leggi tutto →